• 16 Settembre 2017
  • by Chiara Claus

    Il cannabidiolo ha svariate proprietà antiossidanti, antiinfiammatorie e analgesiche riconosciute. Numerosi studi suggeriscono la sua validità nel trattamento degli stati ansiosi, del dolore cronico e come antiemetico anche nei pazienti in chemioterapia. L’esiguità degli effetti collaterali è un grosso vantaggio per i pazienti in cura con il CBD.